tfp it newlogo

Australia: Un processo giudiziario prefabbricato per condannare il Cardinale Pell

 

Di Kerry Myers - Flickr, CC BY 2.0, Wikimedia.

 

di Michael Haynes

La sentenza del tribunale australiano è considerata un autentico "complotto" contro il defunto cardinale Pell. In quella che appare come una continua campagna contro la Chiesa cattolica in Australia, la Corte Suprema del Paese si è pronunciata contro la Chiesa cattolica, consentendo al padre di un ragazzo presumibilmente abusato dal defunto cardinale George Pell di chiedere un risarcimento finanziario come "vittima secondaria di abusi su minori".

L'8 febbraio, la Corte Suprema australiana ha emesso una sentenza contro l'Arcidiocesi di Melbourne, stabilendo un precedente con conseguenze di ampia portata. In base alla sentenza, un uomo conosciuto per motivi legali semplicemente come "RWQ" è stato autorizzato a intentare una causa per danni contro l'Arcidiocesi cattolica di Melbourne e il defunto Cardinale Pell, con base allo lo "shock nervoso" che afferma di aver subito dopo aver saputo dei presunti abusi sessuali subiti dal figlio da parte del Cardinale Pell a metà degli anni Novanta.

Le particolarità del caso sono molte, tra cui il fatto che l'azione legale di RWQ si basa sul fatto di essere "fondata o derivante da abusi su minori", abusi che non sono stati provati in tribunale e che, secondo quanto riferito, sono stati persino negati dal figlio di RWQ prima della sua morte.

Contesto della sentenza

La causa di RWQ, presentata nel 2021, riguarda esclusivamente se stesso e non il figlio, che, secondo la causa, morì nell'aprile 2014 per un'overdose di droghe, abitudine che, afferma RWQ, sarebbe nata dai presunti abusi. Secondo la causa, RWQ è stato informato dalla polizia dello stato di Victoria sui presunti abusi subiti dal figlio nel luglio 2015, oltre un anno dopo la morte di questo.

L'uomo ha sostenuto che l'Arcidiocesi di Melbourne è venuta meno al suo dovere di non causargli danni mentali, attestando inoltre che l'Arcidiocesi è responsabile degli abusi subiti dal figlio, in virtù del fatto che il presunto abusatore, il Cardinale Pell, guidava l'Arcidiocesi all'epoca dei presunti abusi.

Da parte sua, il team legale dell'arcidiocesi ha utilizzato la modalità nota come "difesa Ellis" per sostenere che RWQ non poteva intentare la causa in quanto non era lui stesso vittima di nessun abuso.

La causa è stata esaminata dalla Corte Suprema di Victoria nell'agosto del 2022, che ha deciso che la richiesta di risarcimento di RWQ aveva un fondamento legale e poteva procedere contro l'arcidiocesi in base a una legge del 2018 che consentiva una richiesta di risarcimento "fondata su o derivante da abusi su minori".

La sentenza dell'agosto 2022 è stata commentata dallo Studio legale Chamberlains in Australia come "un'altra significativa pietra miliare nel garantire alle vittime di abusi sessuali storici un risarcimento. La sentenza riconosce che la legislazione promulgata è volta a proteggere non solo coloro che hanno subito formalmente abusi sessuali, ma anche i loro cari che hanno sviluppato significative lesioni psicologiche come risultato dell'abuso sessuale".

L'Arcidiocesi di Melbourne ha fatto appello alla sentenza della Corte Suprema presso la Corte d'Appello dello Stato, ma in una sentenza del 25 agosto 2023, i giudici  hanno respinto all'unanimità l’appello dell'Arcidiocesi e hanno accolto la richiesta di RWQ e il suo diritto di chiedere i danni.

In un altro tentativo di difendersi in tribunale, l'Arcidiocesi si è rivolta alla Corte Suprema nazionale, ma è stata nuovamente respinta nella sentenza dell'8 febbraio di quest'anno. I giudici della Corte Suprema hanno stabilito che l'appello dell'Arcidiocesi di Melbourne non aveva "sufficienti prospettive di successo per giustificare la concessione di un permesso speciale di appello".

Lisa Flynn, responsabile legale di Shine Lawyers che rappresenta RWQ, ha accolto con favore il risultato di febbraio. In una dichiarazione pubblica, ha dichiarato: "Abbiamo sostenuto fin dall'inizio che la Chiesa Cattolica può essere ritenuta responsabile per il dolore e la sofferenza che il nostro cliente ha sopportato a causa dei presunti abusi subiti dal figlio, ora deceduto".

Flynn ha accusato l'Arcidiocesi di aver "compiuto notevoli sforzi per sfruttare il sistema legale al fine di sottrarsi a questi procedimenti, e siamo lieti di vedere che un'altra scappatoia è stata chiusa".

"Quando un bambino è abusato sessualmente, tutta la sua famiglia soffre per i danni che ne derivano, tra cui le nuove dinamiche familiari, i cambiamenti di comportamento, l’abuso di sostanze e una vita deragliata a causa di questi crimini efferati", ha dichiarato.

Ha esortato gli altri a "perseguire la giustizia", affermando che la sentenza "stabilisce che la Chiesa può essere ritenuta responsabile per quella sofferenza".

Centri sul caso del cardinale Pell

Leggendo sia i documenti legali che le dichiarazioni celebrative di Shine Lawyers, un aspetto che appare come se fosse stato ripreso alla lettera è la questione del presunto abuso. Il caso di presunto abuso sul figlio di RWQ è proprio il punto cruciale della causa: se l'abuso non fosse stato implicitamente accettato come un fatto dal tribunale, allora RWQ non avrebbe potuto avanzare la sua richiesta di risarcimento, poiché la sua causa procedeva sulla base della legge del 2018, che consentiva una richiesta di risarcimento "fondata su o derivante da abuso di minore".

Gli abusi sarebbero stati commessi dal defunto cardinale George Pell nel 1996, quando era arcivescovo di Melbourne. Il cardinale Pell è morto il 10 gennaio 2023, pochi giorni dopo il funerale di Papa Benedetto XVI.

Le clamorose accuse di presunti abusi sessuali rivolte al defunto cardinale sono ormai note a livello internazionale, e il porporato ha sempre e fermamente sostenuto la propria innocenza durante il procedimento giudiziario di Victoria, nonostante sia stato abbondantemente diffamato dalla stampa australiana e internazionale.

Il 12 maggio 2019, il tribunale ha ritenuto il cardinale colpevole di aver abusato di due coristi nella Cattedrale di San Patrizio a Melbourne negli anni Novanta e l’ha condannato a sei anni di carcere con base a cinque condanne per abusi sessuali su minori.

Nonostante gli avvocati del cardinale Pell abbiano sostenuto che le accuse contro di lui erano "irragionevoli" per mancanza di prove e impossibilità di circostanze, il giudice stabilì che il cardinale non poteva essere rilasciato sulla parola per tre anni e otto mesi, avvertendo il prelato settantasettenne che sarebbe potuto morire in carcere e descrivendo le offese come "sfacciate e forti" e "arroganti in modo stupefacente".

Un cardinale assolto e abusi negati da una presunta vittima

Tuttavia, dopo aver trascorso 405 giorni in carcere, il 7 aprile 2020 il cardinale Pell è stato assolto all'unanimità dalla Corte Suprema australiana. L’alto tribunale ha dichiarato che la giuria che ha notificato il verdetto di colpevolezza del cardinale Pell, "agendo razionalmente sull'insieme delle prove, avrebbe dovuto nutrire un dubbio sulla colpevolezza del richiedente rispetto a ciascuno dei reati per i quali è stato condannato".

I giudici hanno anche scritto che c'è "una possibilità significativa che una persona innocente sia stata condannata perché le prove non hanno stabilito la colpevolezza con lo standard di prova richiesto". Inoltre, la corte ha scagionato completamente il cardinale, stabilendo che le sentenze di colpevolezza del 2019 "siano annullate e al loro posto siano pronunciate sentenze di assoluzione".

In effetti, un aspetto dell'intero caso che ha ricevuto poca attenzione è che una delle presunte vittime - nientemeno che il figlio di RWQ - avrebbe detto alla madre, prima di morire, di non aver subito abusi sessuali. In un libro della giornalista della ABC Louise Milligan, si riporta che il figlio di RWQ ha negato almeno due volte di aver subito abusi quando fu interrogato al riguardo dalla madre. Solo dopo la sua morte, la seconda presunta vittima dichiarò che il figlio di RWQ aveva subito abusi.

Al momento del rilascio del cardinale Pell, il conduttore di Sky News Australia Andrew Bolt ha esaltato le "istituzioni statali che hanno cercato di distruggere un uomo detestato dalla sinistra in quanto conservatore e scelto dalla mafia come capro espiatorio per la sua chiesa".

Dopo l'assoluzione e il rilascio, il cardinale Pell è tornato a Roma, dove ha vissuto tranquillamente fino alla sua morte, avvenuta nel gennaio 2023.

Assolto ma sempre colpevole

Nonostante l'assoluzione unanime della Corte Suprema, le sue presunte azioni sembrano essere accettate in linea di principio - anche se non tecnicamente sui documenti - come se avessero avuto luogo, fornendo così a RWQ la base per la sua richiesta di risarcimento.

L'assoluzione del cardinale Pell è avvenuta prima della presentazione della causa di RWQ, che chiedeva un risarcimento danni all'arcidiocesi e al cardinale Pell per shock nervoso "fondato o derivante da abusi su minori". Sebbene la causa faccia notare che l'abuso denunciato è "presunto", la sentenza ignora implicitamente questa distinzione e dipinge il defunto cardinale con certezza come colpevole.

Lo stesso vale per la reazione del team legale di RWQ, che ha accolto con favore la vittoria dell'8 febbraio per le famiglie i cui figli sono "abusati sessualmente". Commentando la sentenza, il diacono Nick Donnelly, catechista e scrittore britannico, ha affermato che la sentenza dell'8 febbraio è "un altro complotto" per "oscurare" il nome del defunto cardinale Pell.

"Innocente rispetto alle ridicole accuse per le quali è stato ingiustamente condannato, il vero 'crimine' del cardinale George Pell fu quello di aver sostenuto con fermezza la fede cattolica contro la mafia LGBT", ha detto il diacono Donnelly a questo giornalista. "Per questo fu diabolicamente odiato nell'Australia anticattolica per oltre vent'anni".

Il diacono Donnelly è stato un importante sostenitore del cardinale mentre stava scontando la sua condanna in Australia. Incoraggiava regolarmente le persone a scrivere al cardinale Pell mentre era in prigione, chiedendo loro di mostrare il loro sostegno al cardinale assediato.

Il diacono ha affermato che "il completo scagionamento del cardinale Pell da parte della Corte Suprema continua a far infuriare i suoi nemici". Ora che il cardinale Pell è al di là del loro odio, le élite anticattoliche australiane hanno architettato un altro complotto per oscurare il suo nome attraverso un'astuzia legale. Ma a prescindere dalle loro basse astuzie, i cattolici di tutto il mondo custodiscono la sua memoria, sapendo che il cardinale Pell è un martire della fede".

 

Fonte: Tfp.org, 21 Marzo 2024. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.