tfp it newlogo

Futuro desolante per la vecchia, grigia, sinistra cattolica

 

 

di John Horvat

Le forze di sinistra e progressiste si presentano sempre come l'onda del futuro. In effetti, le radici hegeliane del marxismo postulano la storia come un processo di scontro tra classi che inevitabilmente si evolve in avanti. Anche la sinistra cattolica inquadra la sua teologia della liberazione e programmi simili in questi termini.

La teoria marxista è molto chiara sull'avanzamento della storia. Tuttavia, non dice cosa succede quando il processo improvvisamente si ferma e ristagna. Cosa succede quando nessuno vuole liberare o essere liberato?

Molti anziani cattolici di sinistra in tutto il mondo si chiedono cosa stia succedendo alla loro rivoluzione. La vecchia guardia degli anni sessanta presidia ancora le trincee, ma poche reclute stanno entrando nei ranghi. I militanti di sinistra riferiscono che le loro riunioni e gli eventi sono dominati dai "capelli bianchi".

Frei Betto sta diventando vecchio

Un esempio espressivo è un recente articolo del teologo e politico brasiliano di sinistra Frei (Frate) Betto. Il frate domenicano era in prima linea nella scena della teologia della liberazione quando questa era popolare. Amico di Fidel Castro, Hugo Chávez e altre icone tramontate della sinistra, si ritrova sempre più solo e sempre più vecchio.

In un franco articolo per il gesuita Instituto Humanitas Unisinos, l'anziano rivoluzionario, che presto compirà 80 anni, racconta di aver partecipato di recente al 12° Incontro Nazionale di Fede e Politica con duemila persone di sinistra a Belo Horizonte, in Brasile. E lì che ha notato che quasi tutti avevano i capelli bianchi o grigi.

Il popolare oratore dice di trovare scene simili in tutto il Brasile. Si lamenta del fatto che le manifestazioni e le proteste della sinistra cattolica ora uniscono numeri inespressivi con capelli tendenti a imbianchire. La sinistra politica brasiliana, fortemente allineata con quella cattolica, ha difficoltà a mettere in campo candidati giovani e spesso ricorre a far uscire dalla pensione figure anziane per concorrere nelle elezioni.

Difatti, la sinistra cattolica sta diventando vecchia e grigia. Nessuno sostituisce i ranghi. "I nostri capelli bianchi sono un segno dell'inverno che sta arrivando", osserva un desolato Frei Betto.

Lamentando la caduta del Muro di Berlino

L’irriducibile frate marxista, che già è stato ministro nei gabinetti di Lula da Silva, fa risalire la causa di questo declino alla caduta del Muro di Berlino, che egli deplora come un evento che "ha infranto le nostre speranze di un mondo in cui tutti avrebbero avuto un'esistenza dignitosa".

Frei Betto ritiene che questo scardinamento delle certezze, causato dalla caduta dei regimi comunisti oppressivi, sia responsabile dell'assottigliamento delle fila della sinistra. Tuttavia, riconosce anche alla destra una nuova energia e un nuovo dinamismo. Tutto è cambiato, sostiene. "La destra è come una marea montante che minaccia di affogare quello di democrazia liberale che c’è rimasto".

Cosa è stato sbagliato a sinistra

Frei Betto imputa la crisi all'incapacità della sinistra di adattarsi e di essere rilevante in un mondo postmoderno. Si è lasciata coinvolgere in inutili giochi di potere. "Non abbiamo cresciuto nuovi militanti per paura che si distinguessero e occupassero le nostre posizioni di potere", dice a proposito dell’auto-compiacenza e degli intrighi del movimento.

La sinistra ha anche perso il contatto con i poveri, abbandonando le favelas (baraccopoli), le aree rurali povere e le reti di quartiere. Il movimento tende a ridursi a incontri di alto profilo piuttosto che a trattare con le persone comuni. Il messaggio della sinistra è chiaramente esaurito, con ben poco di nuovo da offrire.

Reclami sul diritto

Tuttavia, Frei Betto ritiene che l'ascesa della destra religiosa sia la causa principale della crisi della sinistra cattolica. Una simile dichiarazione potrebbe sorprendere i cattolici più tradizionali, che da tempo si considerano superati e isolati dall'establishment ecclesiale liberale. La sinistra cattolica ha goduto di un sostegno finanziario e mediatico schiacciante nel corso dei decenni.

Nonostante tutti gli svantaggi, la destra religiosa sta vincendo grazie all'attrazione del suo messaggio. Più i fedeli sono fedeli al loro messaggio evangelico tradizionale, maggiore è la loro influenza nella società.

Frei Betto lamenta l'incapacità della sinistra cattolica di reagire a quello che chiama sprezzantemente "fondamentalismo religioso", che "mobilita le folle" e "riempie le urne". Secondo lui, il messaggio della destra mina la lotta di classe insegnando un messaggio che armonizza "le disuguaglianze sociali e le contraddizioni di classe". Sottolinea che per essa tutto si riduce a una disputa tra Dio e il diavolo".

Concentrandosi sul peccato, la prospettiva "fondamentalista" elimina gli ostacoli alla prosperità e quindi "autorizza e favorisce il dominio" o le odiate soluzioni del libero mercato ai problemi economici. Il frate radicale denuncia inoltre la "cancellazione di tutti coloro che non abbracciano la 'morale e i buoni costumi' di coloro che gridano contro l'aborto".

Il messaggio della destra religiosa è potente e il frate si lamenta del fatto che i suoi membri "monopolizzano le trincee digitali" dove la sinistra deve ancora imparare ad agire.

Naturalmente, per tutti i progressisti c'è sempre l’orizzonte di una nuova primavera e la necessità di "reinventare il futuro". Tuttavia, questa volta le possibilità non sono promettenti, i germogli non spuntano.

Il dissolvimento delle icone della sinistra in ogni luogo

La pessimistica analisi di Frei Betto sullo stato della sinistra cattolica è condivisa dal suo compagno di liberazione, l'ex frate Leonardo Boff (85 anni), che parla di un "preoccupante arretramento della base popolare" e di una mancanza d’impegno. Sostiene che "la maggioranza delle persone, purtroppo i giovani, non sono incoraggiati a impegnarsi socialmente o politicamente in alcun movimento di proiezione o trasformazione".

Il malessere non è limitato al Brasile, il più grande Paese cattolico del mondo. Simili segni di invecchiamento e declino si stanno verificando ovunque nella sinistra cattolica. Il peruviano padre Gustavo Gutiérrez, fondatore della teologia della liberazione, compirà 96 anni a giugno.

Anche tutte le icone della sinistra cattolica statunitense stanno invecchiando. L'attivista benedettina suor Joan Chittister ha 88 anni. L'attivista LGBTQ suor Jeannine Gramick (82 anni); sono suore che sull'autobus hanno gli sconti per gli anziani. Nessuna figura giovane prende il loro posto.

Dove dominano i capelli scuri

L'Associated Press ha appena pubblicato un lungo articolo pubblicato ovunque (anche sul National Catholic Reporter, un giornale progressista di sinistra). Il titolo dice tutto: "Un passo indietro nel tempo: la Chiesa cattolica americana vede un immenso spostamento verso le vecchie abitudini".

L'autore Tim Sullivan racconta di come molti cattolici siano stanchi del programma progressista che pende a sinistra. Le cose stanno cambiando: musica, sermoni e liturgia. La gente vuole parlare di peccato, confessione e aborto. I sacerdoti indossano la tonaca e promuovono il canto gregoriano. Questo generale ritorno alle vecchie usanze si sta diffondendo in parrocchie di ogni tipo e dimensione e sta gradualmente cambiando la mappa cattolica americano.

Soprattutto, la marcia verso la tradizione è spinta da giovani e famiglie in cerca di stabilità e santificazione. I ministeri dei campus universitari registrano improvvisamente conversioni record. I capelli scuri dominano. Papa Francesco la definisce "indietrista", ma questa tendenza tradizionale è piena di entusiasmo e di speranza per il futuro.

Mentre i vecchi preti brizzolati degli anni Sessanta muoiono, i giovani preti, zelanti per la tradizione, prendono il loro posto.

Non esiste una spiegazione umana per questo movimento verso la tradizione. Non esiste un'organizzazione formale che orienti la tendenza su tale scala. È un fenomeno dinamico e controculturale. Tutte le forze e le tendenze culturali e religiose degli anni Sessanta vanno nella direzione opposta. I giovani chiedono il ritorno a cose che sono precedenti alla loro nascita.

È questo il frutto della grazia?

In effetti, impulsi come questi suggeriscono qualcosa che va oltre il naturale. Sono il frutto dell'anelito verso il sublime, il metafisico e il sacro scartati, contrariamente al mondo postmoderno che lascia tutto sterile, senza direzione e senza senso.

Nel corso della storia, movimenti improbabili come questi sono apparsi come frutti della grazia di Dio che opera nelle anime e in intere nazioni. È possibile che questa grazia stia suscitando in innumerevoli anime desideri ardenti di amore per Dio. Quando le persone corrispondono a queste grazie, le meraviglie della storia si compiono di fronte a ostacoli insormontabili.

In effetti, una nuova primavera potrebbe essere in arrivo. Ma non nascerà dalle lande desolate della sinistra, bensì dal Cuore Immacolato di Maria.

 

Fonte: Tfp.org, 17 Maggio 2024. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte