tfp it newlogo

Francia: un libro denuncia la Rivoluzione Woke

 

 

di Guillaume Thibaud

L'associazione francese Avenir de la Culture ha recentemente pubblicato il libro La Révolution woke débarque en France. Curato da Atilio Faoro, il libro racconta, dati alla mano, i progressi della rivoluzione culturale in corso in Francia. Nata nei campus nordamericani, l'ideologia Woke utilizza le ingiustizie subite dalle minoranze sessuali o razziali come pretesto per decostruire metodicamente la civiltà occidentale. Gli attivisti Woke sostengono che i bianchi opprimano i neri, gli uomini opprimano le donne, gli eterosessuali opprimano gli omosessuali, i cristiani opprimano i musulmani, così come gli esseri umani gli animali! Tutto ciò che un tempo era considerato degno di ammirazione - la virilità, il matrimonio, la nostra letteratura, i nostri grandi uomini, la nostra civiltà e, naturalmente, la nostra religione - è ora considerato "tossico" e oppressivo.

Una nuova lotta di classe

In sostanza, come dimostra il libro, il wokismo non è altro che l’applicazione della lotta di classe marxista a tutte le relazioni umane. L'obiettivo è lo stesso del comunismo: sovvertire l'ordine sociale e distruggere i resti della civiltà cristiana. L'Europa, culla del cristianesimo, si dissolverà nell'Africa; la famiglia scomparirà sotto i colpi del femminismo e della teoria gender; l'uomo, istituito da Dio come padrone della creazione, riconoscerà la dignità degli animali come uguale alla sua.

"Devono essere eliminati".

Le dichiarazioni dei sostenitori di questa rivoluzione, elencate da Atilio Faoro, sono ammissioni altrettanto rivelatrici. "La nostra presenza sul suolo francese sta africanizzando, arabizzando, berberizzando, creolizzando e islamizzando la figlia primogenita della Chiesa, un tempo bianca e immacolata", si vanta l'attivista indigena Houria Bouteldja. "Non basta che ci aiutiamo a vicenda, dobbiamo a nostra volta eliminarli. Eliminarli dalle nostre menti, dalle nostre immagini, dalle nostre rappresentazioni [...]", scrive la femminista Alice Coffin a proposito degli uomini in Le génie lesbien. Prima di essere nominato ministro dell'Istruzione da Emmanuel Macron, l'accademico Pap Ndiaye ha espresso la sua avversione per la cultura francese in termini direttamente ispirati all'ideologia Woke: "Il genio francese nasconde troppo spesso un universalismo sciovinista, maschile, bianco, eterosessuale".

Un lento veleno

Nonostante la minaccia per il futuro del loro Paese e dei loro figli, molti francesi non sono consapevoli di questa insidiosa rivoluzione. Il libro edito da Avenir de la Culture ha scelto di metterli in guardia confrontandoli direttamente con i fatti. Sulla natura e le origini di questa rivoluzione sono stati pubblicati numerosi studi scientifici. Nel suddetto libro, l’associazione francese denuncia quali sono le conseguenze concrete di questa rivoluzione. Il lettore è così invitato a capire che il wokismo non è un'ideologia astratta che riguarda esclusivamente, se non principalmente, i cenacoli accademici in cui è nata. Anzi, è un lento veleno che si diffonde ovunque e non risparmia nessuno. In nome della lotta contro il razzismo, il riscaldamento globale, l'omofobia o la disuguaglianza di genere, ai bambini francesi viene fatto il lavaggio del cervello, ed esso non risparmia nemmeno il mondo cattolico.

La stampa cattolica contaminata

Ad esempio, La Révolution woke débarque en France punta il dito contro le riviste del gruppo Bayard, di proprietà degli Agostiniani dell'Assunzione. Queste riviste sono impegnate in un'intensa propaganda Woke rivolta sia agli adolescenti che ai bambini. Nel dicembre 2022, il mensile Youpi, rivolto ai bambini dai 5 agli 8 anni, ha promosso l'immigrazione clandestina raccontando la storia di una simpatica famiglia di immigrati clandestini africani perseguitati dalla polizia francese. Il trimestrale 1 jour 1 actu, rivolto ai bambini dagli 8 anni in su, ha parlato del Gay Pride: "È un evento gioioso (...) organizzato per difendere i diritti delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali...". La rivista We Demain ha promosso la carne artificiale in nome della "rivoluzione animale" ai preadolescenti e la pubblicazione Phosphore, rivolta ai loro coetanei tra i 14 e i 18 anni, ha pubblicato un numero "100% antisessista" in cui i ragazzi possono scoprire la storia di Pablo che "indossava una gonna per sostenere le sue amiche". Quando leggiamo tali abomini, ci viene in mente il terribile avvertimento di Cristo nel Vangelo: "Ma se qualcuno offende uno di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui se gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse gettato in mare" (Mat 18,6).

Scuole mirate

Anche nelle scuole si sta scatenando la propaganda "Woke". Avenir de la Culture denuncia lo strano "inno" che gli alunni della prima classe di una scuola elementare cattolica di Bordeaux hanno dovuto cantare: "Apriamo un'altra strada, prendiamoci cura del pianeta (...) sosteniamo con una sola voce il progetto rivoluzionario; la natura sarà la legge di questo terzo millennio". Il settimanale Valeurs Actuelles, citato nel libro, riferisce che in una scuola cattolica di una grande città gli alunni sono stati invitati a leggere un fumetto intitolato Appelez-moi Nathan, che racconta la storia di un adolescente transessuale. Per diventare un ragazzo, si sottopone a una mastectomia bilaterale, cioè all'asportazione dei seni, e a un'isterectomia, cioè all'asportazione dell'utero. Queste mutilazioni sono illustrate con immagini cruente di rara violenza. Dal momento che questa disgustosa propaganda ha luogo in pubblicazioni e istituti "cattolici", non è difficile immaginare cosa accada altrove...

Giovani in grave pericolo

Secondo un sondaggio IFOP del novembre 2020, quasi un quarto dei giovani francesi tra i 18 e i 30 anni non si sente né maschio né femmina! Un sondaggio Ipsos del giugno 2023 conferma questa tendenza: il 22% dei francesi nati dopo il 1997 dichiara di essere LGBT. Su TikTok, la rete preferita dagli adolescenti, i video sugli stili di abbigliamento "non binari", o androgini, fanno registrare milioni di visualizzazioni in Francia. E il social network Yubo, che si presenta come un sito di amicizia per giovani tra i 13 e i 19 anni, ha deciso di incorporare 35 sfumature di genere nella sua applicazione. I suoi membri possono definirsi "agenre", "poligenere" o semplicemente "gender questioning" per i più indecisi... Gli organizzatori del Gay Pride di Parigi, la parata omosessuale in cui la dissolutezza è in bella mostra, hanno dichiarato a Le Figaro di essere stati travolti da "un oceano di adolescenti". Il famoso quotidiano parigino ha dato la possibilità ad alcuni adolescenti di dire la loro e il minimo che si possa dire è che quello che hanno dichiarato è allarmante. Juliette, 17 anni, dichiara di non identificarsi come "eterosessuale" ma come "pansessuale". "Uomo-donna, maschile, femminile... Oggi ci rendiamo conto che le cose sono molto meno binarie. Non ci si può sentire né maschi né femmine, oppure cambio a seconda del periodo", aggiunge. Alla domanda del padre se fosse gay, Anaïs, a 13 anni, ha risposto: "Ma sei così vecchio! Come puoi fare una domanda del genere nel 2021? Non c'entra niente. Sono gender fluid».

Marce per il clima

Purtroppo, lo stesso delirio ideologico si ritrova in altri ambiti. Le famose "marce per il clima" hanno fatto scendere in piazza migliaia di studenti delle scuole superiori francesi, galvanizzati dalle "profezie" apocalittiche di Greta Thunberg. Questi giovani non osavano più volare o mangiare carne, convinti che così facendo avrebbero commesso un crimine contro l'ambiente. Il femminismo esacerbato dal movimento Me Too, anch'esso nato negli Stati Uniti, sta causando un profondo senso di disagio in molti giovani, sospettati di essere stupratori o molestatori solo perché nati maschi. Movimenti come Black Lives Matter invitano tutti i nostri giovani a chiedere scusa per i loro antenati, con il fallace pretesto che fossero razzisti e oppressivi in ogni modo.

"Facciamo tabula rasa"

I giovani possono essere il bersaglio principale del wokismo, ma non sono gli unici... In effetti, nulla sfugge ai militanti che vogliono decostruire tutto. Come i rivoluzionari del 1789 e del 1917, i seguaci del wokismo affermano di voler edificare una nuova umanità. Per realizzarla, cercano di fare tabula rasa di quella di prima. Prima dell'aristocratico, dopo del borghese: oggi, a dover essere sradicato dalla faccia della terra è l'uomo bianco, eterosessuale, "cisgender", cristiano e carnivoro. Chiedono la sua testa, antirazzisti, attivisti omosessuali e transgender, femministe e antispecisti. Naturalmente, la probabilità che quella testa finisca sull'estremità di una picca è remota. Né possiamo immaginare che la metà del mondo occidentale venga spedito nei Gulag.

Eppure, in nome della benevolenza e della giustizia, un nuovo totalitarismo minaccia il mondo un tempo cristiano.

"Il settore privato è politico"

Come il marxismo di un tempo, il wokismo è un'ideologia globale. Pretende di governare tutte le interazioni sociali, sia pubbliche che private. L'agenda perseguita dai Verdi in Francia è un'eccellente illustrazione di questa impresa di rieducazione, come mostra il libro La Révolution woke débarque en France. Negli ultimi anni, gli ecologisti hanno chiesto a turno di vietare gli alberi di Natale in nome dei diritti delle piante, di vietare il Tour de France a causa dell'inquinamento che avrebbe generato, di vietare le piscine private per combattere lo spreco d'acqua, di vietare i barbecue reo di promuovere il machismo, di vietare i jet privati accusati di riscaldare il pianeta e, naturalmente, di vietare le corride in nome della lotta contro gli abusi sugli animali. L'ecologista Sandrine Rousseau ha persino suggerito di considerare un reato non condividere le faccende domestiche! "La vita privata è politica", ha spiegato. Una dichiarazione che i commissari del popolo dell'Unione Sovietica avrebbero senza dubbio applaudito con entrambe le mani...

Permessi di voto

Nella stessa ottica totalitaria, Aymeric Caron, deputato ecologista di Parigi, ha difeso l'idea di un "permesso di voto" concesso solo ai cittadini ritenuti più adatti a esercitare questa funzione. Perché preoccuparsi di fare un partito unico quando basta autorizzare a esprimere le proprie opinioni solo a chi professa una stessa ideologia! Un'altra idea comunista difesa dai Verdi, questa volta importata dalla Cina è quella di limitare le nascite. Per proteggere il pianeta e "accogliere meglio i migranti", l'ex ministro dell'Ambiente e membro storico del partito Yves Cochet ha proposto di "invertire la logica degli assegni familiari". "Più figli si hanno, più i benefici diminuiscono, fino a scomparire dopo la terza nascita", ha suggerito.

Schiacciare gli avversari

Chiunque si rifiuti di partecipare a queste menzogne viene "cancellato", per usare un neologismo nato dalla matrice Woke. In nome dell'inclusione, tutti i dissidenti vengono spietatamente esclusi. Non vengono messi a morte. Raramente vengono messi in prigione. Tuttavia, vengono "cancellati" dalla vita pubblica, proprio come nell'Unione Sovietica venivano cancellati dalle foto ufficiali. Scrittori, attori, insegnanti, rappresentanti eletti e autorità religiose vengono gettati nell'obbrobrio e poi nel limbo dell'anonimato. Negli studi di produzione e nelle case editrici è tollerato un solo pensiero. "Amazon, che controlla la maggior parte del mercato librario americano, ha recentemente deciso di non vendere libri che criticano il transgenderismo (ma è ancora possibile acquistare il Mein Kampf)", lamenta il filosofo nordamericano Rod Dreher. Una polizia del pensiero, non meno zelante ed efficace della Guepeu, dilaga sui social network. Slogan insidiosi come "la libertà di espressione non è uguale alla libertà di offendere" rendono impossibile il dibattito pubblico. Così trionfa la rivoluzione Woke, senza che venga versata una sola goccia di sangue.

Opporsi alla macchina totalitaria

Solzhenitsyn scriveva: "Non ho la forza, piccolo individuo che sono, di oppormi all'enorme macchina totalitaria della menzogna, ma posso almeno fare in modo di non essere un punto di passaggio per la menzogna". Questa, in sintesi, è la sfida che devono affrontare coloro che, in Francia e altrove in Occidente, si sono resi conto della natura fraudolenta degli eredi di Stalin. Potranno contare sul sostegno del clero, e in particolare dei vescovi, nella loro lotta? La rivoluzione Woke non è solo una guerra culturale, senza precedenti, dall'omonima rivoluzione guidata da Mao Zedong in Cina. È anche una battaglia spirituale: dopo la vertiginosa caduta della pratica religiosa seguita al Concilio Vaticano II da noi e dai nostri vicini, persino in Italia, ora sono la vestigia della nostra cultura intrisa di cristianesimo a essere prese di mira. Dove può portare la "decostruzione" della volontà di Dio, se non al regno del diavolo sulla terra? I fedeli, consapevoli dell'immenso pericolo che minaccia loro e i loro figli, si aspettano che i loro pastori combattano questa battaglia al loro fianco e, se possibile, alla loro testa.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.