tfp it newlogo

I problemi di assunzione della Generazione Z riflettono un fallimento culturale dell'America

 

 

di Mark Serafino

I cambiamenti culturali guidati dalla politica e dai movimenti sociali di sinistra stanno avendo effetti catastrofici sui membri della Generazione Z che entrano nella forza lavoro. Come si sa, la GenZ si riferisce ai nati tra il 1997 e il 2012. Iniziative aziendali come la DEI (diversità, equità e inclusione) e un sistema educativo imperfetto non riescono a insegnare loro le competenze sociali di base di cui hanno bisogno. Queste carenze stanno creando difficoltà senza precedenti ai manager delle aziende di tutto il Paese.

Recenti studi sull'attuale ondata di laureati che si affacciano sul mondo del lavoro offrono dettagli sconvolgenti su ciò che i datori di lavoro si trovano ad affrontare quando devono assumere persone qualificate. Il numero di dicembre 2023 della rivista online Intelligent ha presentato un sondaggio commissionato da Pollfish a 800 manager e dirigenti che si occupano di assunzioni, e i risultati sono sorprendenti. Tra i risultati più significativi:

  • Il 20% dei neolaureati porta un genitore ai colloqui di lavoro.
  • Il 50% dei neo-laureati fatica a stabilire un contatto faccia a faccia durante un colloquio.
  • Il 50% delle reclute non è vestito adeguatamente per i colloqui.
  • I datori di lavoro affermano che i neolaureati non rispondono in modo soddisfacente alle domande e non sono preparati per il mondo del lavoro.

Non si tratta di risultati isolati o aneddotici, ma di un campione di 800 manager e dirigenti impegnati nella gestione di imprese. I risultati riflettono una ripartizione del modo in cui i giovani uomini e donne vengono formati ed educati nelle case e nelle scuole.

Se una volta il pensiero di portare i genitori ai colloqui di lavoro era una ricetta sicura essere bersagliati con il ridicolo tra coetanei, oggi i datori di lavoro si trovano di fronte a genitori che a maniera di elicotteri girano sul colloquio in un ruolo di supporto.

La rapida regressione dal "venerdì casual" a un guardaroba tuttofare è peggiorata al punto che ci sono casi di candidati che si presentano a un colloquio indossando i pantaloni della tuta e l’infradito.

Un altro indicatore di questo clamoroso fallimento si trova in un recente articolo di Fortune.com intitolato "Il galateoche ci informa che le lezioni di galateo arriveranno in oltre il 60% delle aziende nel 2024. Secondo un sondaggio condotto da Resume Builder su oltre 1500 dirigenti d'azienda, il 60% delle aziende statunitensi offrirà ai propri dipendenti corsi di galateo per insegnare loro argomenti quali: come inviare un'e-mail, come vestirsi in modo appropriato, come interagire con i clienti, come parlare a voce alta durante le riunioni e come rispettare gli spazi condivisi.

L'indagine ha rilevato che i neolaureati (Gen Z) non hanno le capacità per discutere, dissentire o addirittura lavorare a fianco di persone con opinioni diverse.

La sconfortante realtà di questi risultati è che aziende come PWC, Deloitte e KPMG devono integrare la gestione di un'attività "a scopo di lucro" con l'insegnamento di argomenti che lungo 16 anni di istruzione a scuola e a casa avrebbero dovuto essere trattati, ma che non sono riusciti a farlo adeguatamente. Oggi i datori di lavoro si assumono l'onere e il costo aggiuntivi di formare i propri dipendenti alle competenze di base dell'età adulta, in modo da poter continuare a fornire prodotti e servizi ai propri clienti.

In effetti, un tempo l'onere di formare i dipendenti sulle competenze era dato per scontato in quanto frutto della formazione dei bambini a casa e a scuola. Ora le aziende dovranno assumere formatori qualificati per insegnare ai propri dipendenti le competenze di base in materia di etichetta. In circostanze normali, l'assunzione di nuovi dipendenti è un segnale di crescita dei ricavi e dei profitti, con l'aspettativa che i nuovi assunti contribuiscano alla produttività e alla redditività. L'impatto economico è bilanciato dalle nuove attività commerciali create dal personale aggiuntivo.

Non è raro che le aziende abbiano membri del personale che servono l'azienda come formatori su questioni di produzione e tecniche. Alcuni compiti dei formatori includono l'orientamento dei nuovi dipendenti sulle politiche e le procedure dell'azienda, la formazione sui prodotti e il mantenimento degli standard di sicurezza sul posto di lavoro. I dipendenti vengono istruiti su vari argomenti con l'obiettivo di massimizzare la produttività e la sicurezza, ottenendo risultati misurabili. 

Tuttavia, la nuova formazione sarà diversa. La formazione di base sulle soft skill per migliorare la produttività dei dipendenti diventa difficile, se non impossibile, da misurare. Le iniziative aziendali senza risultati misurabili in termini di produttività hanno spesso un impatto economico sui clienti.

Una realtà aziendale è che ogni volta che si aggiunge un costo, gli amministratori delegati e gli azionisti si aspettano che il costo (persone, processi o procedure) produca ricavi superiori all'importo investito. Altrimenti, gli investitori si chiedono perché rischiare l'investimento. Come dice Kevin O'Leary di Shark Tank, "non sto cercando di farmi degli amici. Sto cercando di fare soldi".

Piaccia o no, le parole del signor O'Leary rivelano la fredda e dura realtà degli affari in America. La necessità delle aziende di fare soldi e di operare in modo sostenibile rende possibile la prosperità di generazioni di famiglie e il sostegno di innumerevoli comunità.

Un'altra scomoda verità è che il crollo morale delle famiglie, delle comunità e delle chiese si ripercuote sugli affari. Tutte le componenti devono lavorare insieme se si vuole che la società prosperi.

 

Fonte: Tfp.org, 7 Febbraio 2024. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.