Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Dubbi circa l’ideologia gender nelle scuole? Vedete allora come la insegnano in America

 

 

di Edwin Benson 

In quanto insegnante di scuola pubblica in pensione che scrive sullo stato fatiscente delle scuole americane, leggo molte opinioni sull'istruzione. Una fonte è un gruppo di social media per insegnanti del distretto scolastico della Florida, dove ho iniziato la mia carriera.

Per ovvie ragioni, un argomento frequente di "conversazione" è il popolarissimo Parental Rights in Education Act (ndt, Legge sui diritti parentali nell’educazione, erroneamente chiamata "Don't Say Gay").

La maggior parte dei commenti è contro la nuova legge e molti mostrano sia un talento naturale per il ridicolo che una logica debole.

"Insegnare ai bambini cosa sono le rane non significa prepararli a diventare anfibi".

"Lo scopo dell'istruzione pubblica in una scuola pubblica non è quello di insegnare ai bambini solo ciò che i genitori vogliono che venga insegnato loro. È insegnare invece ciò che la società ha bisogno che loro sappiano. Il cliente della scuola pubblica non è il genitore, ma l'intera comunità, il pubblico".

"Quanto è opportuno far conoscere agli studenti della scuola pubblica i pesci pagliaccio? I giovani pesci pagliaccio non hanno genere/sesso".

Nella versione di sinistra, i cattivi di questa saga sono il governatore Ron DeSantis e il parlamento della Florida, dominato dai repubblicani. Alcuni osservatori più "moderati" potrebbero pensare che l'intera questione sia una tempesta in un bicchiere d’acqua o un'occasione usata dal governatore per ottenere punti politici a buon mercato.

Per coloro che hanno dei dubbi, permettetemi di presentare la presidente della Federazione americana degli insegnanti (AFT), Randi Weingarten, che di recente ha detto al pubblico dello show della MSNBC "Morning Joe" che "siamo stati molto fortunati in America, e per certi versi abbiamo vissuto in una bolla per molto tempo. Questa è propaganda. Questa è disinformazione. Questo è il modo in cui iniziano le guerre. Questo è il modo in cui nasce l'odio".

In un'altra intervista, la presidente dell'AFT ha accusato i genitori con valori tradizionali. "Invece di aiutarci ad aiutare i nostri figli dal punto di vista sociale, accademico ed emotivo, queste minoranze vocali vogliono emarginare i ragazzi LGBTQ, censurare gli insegnanti e vietare i libri".

Questi attacchi della sinistra comportano sempre una di due possibilità. I conservatori o sono malvagi oppure sono stupidi. Dunque, non c'è bisogno di affrontare i loro argomenti. È sufficiente ridicolizzare quei genitori ignari sui programmi scolastici.

Tuttavia, ridicolizzare non è sufficiente nella battaglia sull'"identità di genere". Il motivo è che i genitori conservatori sanno leggere e i radicali usano programmi scritti per attuare i loro piani.

Fino a pochi anni fa, questi programmi venivano pubblicati in grandi raccoglitori. La maggior parte delle volte nessuno, a parte gli insegnanti, li leggeva. I raccoglitori sono rimasti per anni sugli scaffali delle classi, finché una pulizia generale non li ha consegnati al cestino.

Oggi queste "risorse" sono su Internet. Ciò significa che anche chi non insegna può trovarle.

Qualche giorno fa mi è arrivato il "Curriculum sull'identità di genere" di 277 pagine per gli studenti dall'asilo alla terza elementare del sistema scolastico di Evanston, nell'Illinois, che mi ha aperto gli occhi.

Ho subito pensato a come i miei ex colleghi volevano ridicolizzare lo Stato della Florida.

A onor del vero, non esiste un collegamento ufficiale tra il programma di studi di Evanston e le scuole pubbliche della Florida. Tuttavia, le idee radicali dell'Illinois sono identiche a quelle che minacciano i giovani dello Stato del sole splendente.

I programmi di studio non sono mai una lettura leggera, ma non abbiamo bisogno di addentrarci molto in quello di Evanston per avere un'idea molto precisa del suo indirizzo ideologico. La primissima lezione fornisce un'ampia base per l’analisi.

I radicali devono avere il sospetto che gli insegnanti di Evanston non possano percorrere questa strada senza una mappa dettagliata. Per questo motivo, forniscono dei copioni per garantire che gli insegnanti girino in un senso o nell’altro, a seconda dei casi.

Uno dei principi dell'educazione moderna prevede che gli insegnanti inizino con qualcosa che gli studenti già conoscono, un modo per farli "riscaldare". In questo caso, l'insegnante chiede: "Che cos'è una bandiera?" e interroga gli studenti sulle bandiere che hanno visto.

Poi l'insegnante deve dire: "Questi sono tutti ottimi esempi! Questa settimana impareremo a conoscere una bandiera speciale che alcuni di voi potrebbero aver visto (mostra la bandiera arcobaleno). Chi ha già visto questa bandiera? Sapete chi usa questa bandiera o cosa rappresenta? Oggi scopriremo da dove viene questa bandiera e chi rappresenta. Ascoltiamo il libro La storia di Harvey Milk e della bandiera arcobaleno (The Story of Harvey Milk and the Rainbow Flag) di Rob Sanders".

Harvey Milk fu il primo politico apertamente omosessuale degli Stati Uniti e fece parte del Consiglio dei Supervisori di San Francisco fino a quando fu ucciso il 27 novembre 1978.

Amazon descrive con approvazione il libro. "In questa storia vera, profondamente commovente e piena di forza, i giovani lettori ripercorreranno la vita della bandiera del Gay Pride, dai suoi inizi nel 1978 con l'attivista sociale Harvey Milk e il designer Gilbert Baker, fino alla sua diffusione nel globo e al suo ruolo nel mondo di oggi...".

Il Gay Times Magazine ha detto che questo libro "dovrebbe essere presente in ogni scuola".

Dopo la lettura, l'insegnante dice: "Come avete sentito nella storia, a volte le persone che hanno lo stesso aspetto si amano e a volte le persone che hano un aspetto diverso si amano. I ragazzi possono amare i ragazzi, le ragazze possono amare le ragazze, le persone possono amare le persone. Quando un ragazzo ama un altro ragazzo, può essere chiamato gay, e quando una ragazza ama un'altra ragazza, può essere chiamata lesbica. Quando un ragazzo ama una ragazza, viene chiamato etero. Quando qualcuno non è né un ragazzo né una ragazza, magari si sente entrambi, è un non-binario o un queer".

"Questa bellissima bandiera rappresenta i gay, le lesbiche e le altre persone della loro comunità. Una comunità è un gruppo di persone che vivono nella stessa area o che hanno le stesse idee o convinzioni. Questa comunità crede che si debba amare chi si vuole amare ed essere sé stessi. Questa settimana impareremo a conoscere tutti i colori della bandiera, cosa rappresentano e cosa significano per le diverse persone".

A questo punto ci si deve assicurare che la classe abbia capito bene il concetto. È anche il momento di manipolare i bambini, dunque l'insegnante assegna loro un compito.

"Questa settimana faremo le nostre bandiere arcobaleno, ci vestiremo con i colori dell'arcobaleno e faremo una bandiera arcobaleno tutti insieme come classe, sarà fantastico! Oggi faremo una bandiera che ci rappresenta!".

Poi ci sono due istruzioni per l'insegnante. A quanto pare, sono così semplici che non è necessario un copione preciso:

1)"Attività pratica: Gli studenti realizzeranno una bandiera che ritengono li rappresenti"; 2) "Invitate gli studenti a indossare i colori che impareremo domani, il rosso e l'arancione!".

Finora ho descritto solo due delle 277 pagine del curriculum di Evanston. Il materiale successivo è facile da immaginare. Le intenzioni degli autori del curriculum di Evanston sono clamorosamente evidenti.

Il Parlamento della Florida sta cercando di proteggere i bambini di quello Stato dall'assorbimento di un tale veleno.

 

Fonte: Tfp.org, 10 maggio 2022. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.