Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Niente Lepanto? Invece sì!

 

 

di Raffaele Citterio

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera e pubblicata due domeniche fa, il ministro della Difesa Guido Crosetto si augurava che il conflitto in Medio Oriente non degenerasse in “uno scontro di civiltà”[1]. Il rappresentante di Fratelli d’Italia vorrebbe impedire che si scateni “una nuova battaglia di Lepanto”. A sostegno di tale augurio, chiosava in vari modi: “Non esiste una frattura tra mondo arabo e Occidente”.

Nel contempo, però, annunciava che le festività delle Forze Armate ai Fori Imperiali, previste per il 4 novembre, sarebbero state sospese per motivi di sicurezza, cioè per il rischio di attacchi terroristici di matrice islamica. Come dire: prendiamo atto che il terrorismo islamico ci può colpire anche a casa.

Interpellato sull’immigrazione che, sempre più copiosa, sbarca sulle nostre coste meridionali, il ministro ammetteva che “per dei potenziali terroristi è il modo migliore per entrare in Italia”. E faceva sapere: “In questi anni, di persone che arrivano dal mattino alla sera e possono farci del male ne sono entrate a migliaia. Quando hai decine di migliaia di migranti… è ovvio che sbarcheranno alcuni che non siano stinchi di santo”.

Di più. Domandato se nel mirino di Hamas c’è solo Israele o ci sono anche le democrazie dell’Occidente, Crosetto rispondeva: “Le democrazie occidentali sono il gradino successivo. L’obiettivo di Hamas è la jihad, la guerra totale. Cercano di agitare gli animi di milioni di musulmani e trasformare la loro volontà terroristica in una guerra di religione”.

E allora, perché vuole scongiurare una nuova battaglia di Lepanto?

Dalle parole del ministro traspare la comprensibile preoccupazione che il conflitto mediorientale possa estendersi all’Europa, già tanto provata da altri fattori, e in preda a una guerra sui confini slavi. Si augura, dunque, che le nazioni “buttino acqua sul fuoco”, cerchino cioè la pace. Intenzione di per sé lodevole e condivisibile. Sbaglia, però, nel voler escludere tout court quello che possiamo chiamare lo spirito di Lepanto, condizione essenziale per la vera pace. Prima di essere una battaglia, Lepanto è uno stato di spirito fondato su due elementi:

- la consapevolezza della nostra identità cristiana ed europea, cioè di una specifica tradizione di Fede e di civiltà;

- la consapevolezza che tale Fede e tale civiltà sono oggi sotto attacco, sia dall’esterno che dall’interno.

Da ciò la consapevolezza che è un nostro preciso dovere morale reagire in difesa di Santa Romana Chiesa e della civiltà che essa ha plasmato. Detto senza mezzi termini, la consapevolezza che serve un rinnovato spirito di crociata. Crociata psicologica, culturale e ideologica prima che militare, ma ciò nondimeno una vera e propria crociata.

Negli ultimi decenni, mentre l’amore per la nostra Fede e la nostra civiltà europea venivano meno, il fanatismo dei nostri nemici cresceva in proporzione inversa. Già nel 2000 ammoniva il cardinale Biffi: “L’Europa o ridiventerà cristiana o diventerà musulmana. Ciò che mi pare senza avvenire è la ‘cultura del niente’, della libertà senza limiti e senza contenuti, dello scetticismo vantato come conquista intellettuale, che sembra essere l’atteggiamento dominante nei popoli europei, più o meno tutti ricchi di mezzi e poveri di verità. Questa ‘cultura del niente’ (sorretta dall’edonismo e dalla insaziabilità libertaria) non sarà in grado di reggere all’assalto ideologico dell’islam che non mancherà. Solo la riscoperta dell’avvenimento cristiano come unica salvezza per l’uomo – e quindi solo una decisa risurrezione dell’antica anima dell’Europa – potrà offrire un esito diverso a questo inevitabile confronto” [2].

Ed ecco che, di fronte a un’Europa sempre più assopita, debole e perfino vergognata di essere cristiana – un’Europa che odia sé stessa, come denunciava Benedetto XVI – si alza di nuovo minacciosa la scimitarra della jihad islamica, rediviva dopo un periodo di quiete relativa. E ciò è un pericolo.

La jihad islamica va vista in un contesto storico assai più ampio e profondo. Essa non è appena il braccio armato di certe fazioni estreme dell’Islam. Da quando, nel 632, Maometto ordinò l’invasione dell’Impero bizantino, la jihad islamica si è comportata come una forza globale anti-cristiana e anti-occidentale, la cui finalità è la distruzione della Chiesa e della Civiltà cristiana. Non andava per il sottile il presidente egiziano Gamal Abdel Nasser quando, nel corso d’una cerimonia commemorativa della battaglia di Mansurah (1250) contro i francesi di S. Luigi IX, proclamava: “La Mezzaluna ha trascinato la Croce nel fango. Solo una cavalcata musulmana potrà restituirci la gloria d’un tempo. Quella gloria non sarà completa finché i cavalieri di Allah non calpesteranno S. Pietro a Roma e Notre Dame a Parigi”[3].

E noi, cosa opponiamo a questa cavalcata? La controcultura del nichilismo e della decadenza. Ossia niente. Anzi, apriamo le nostre porte affinché questi “cavalieri di Allah” possano venire indisturbati. Di più: gli diamo alloggio, vestiti, cibo, copertura sanitaria… e perfino una paghetta[4]. Non sazi di sostenerli in ogni modo possibile, provvediamo per loro anche luoghi di culto, trasformando sempre più chiese in moschee, indifferenti al fatto che una moschea non è paragonabile a una chiesa. La moschea è il luogo dove si riunisce l’umma, cioè la comunità islamica, per leggere il Corano e discutere dei loro affari, soprattutto nei confronti dei “miscredenti”. Sono luoghi di indottrinamento.

Ai frequentatori delle moschee in Italia, per esempio, viene distribuito il libro dello Shaykh Abu Bakr Djaber el Djaza’ri, Minhaj al Muslim (La via del musulmano). Eccone alcuni brani: “Il musulmano deve credere che tutte le religioni sono caduche, che i loro addetti sono negatori, che l’Islam è la vera religione e che i musulmani sono i veri credenti. (…) Tutti quelli che non professano l’Islam sono miscredenti. (…) Per Dio, la vera religione è l’Islam. (…) Il musulmano che rinnega la sua fede e diventa israelita o cristiano, per tre giorni si cerca di convincerlo a tornare alla propria fede. Se rifiuta, gli viene inflitta la pena di morte, perché ha detto Maometto: Uccidete chiunque abiura la sua fede”.

Qualcuno dirà che sono una minoranza. Nell’intervista sopra menzionata, il ministro Crosetto ammette che “uno su cento” dei migranti potrebbe diventare un terrorista “se venisse pompato”, ossia fanatizzato dalla propaganda. Le fonti dell’intelligence sono concordi nel dire che l’Islam radicale – compresi combattenti e fiancheggiatori – non rappresenta più del 10% della popolazione musulmana. Se prendiamo però in considerazione che i seguaci di Maometto nel mondo sono due miliardi, dovremmo concludere che ci sono duecento milioni di potenziali “cavalieri di Allah” che potrebbero bussare alle nostre porte forzandone l’ingresso.

No, ministro Crosetto. Con tutta la comprensione per la sua cautela da uomo pubblico, qui serve uno spirito di Lepanto. Lo scontro di civiltà che lei vorrebbe evitare c’è già. Dobbiamo solo schierarci.

 

Note

[1] “Israele doveva reagire, ma Hamas non è la Palestina”, Corriere della Sera, 22 ottobre 2023, p. 12.

[2] Giacomo Biffi, “Sulla immigrazione”. Intervento al Seminario della Fondazione “Migrantes”, 30 settembre 2000.

[3] Nouvelles Chretientés, No. 362, 13‑09‑1962.

[4] Francesca Galici, "Migranti ingrati, lo schiaffo all'Italia che li accoglie: "Cibo immangiabile e la paghetta...", Il Giornale, 20 agosto 2023.

 

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.