Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

S.E. mons. Schneider sulla consacrazione della Russia e dell'Ucraina da parte di papa Francesco

In una sua esaustiva valutazione prima e dopo l’atto a San Pietro nel giorno dell’Annunciazione, mons. Athanasius Schneider risponde alle domande della nota vaticanista americana riguardo l’importanza della Consacrazione del 25 marzo, la sua portata, la controversia sull’espressione “Terra del Cielo” attribuita alla Madonna e altri importanti aspetti dell’evento.

 

 

di Diane Montagna

[AGGIORNAMENTO]

25 marzo 2022 (OnePeterFive) - Nei giorni scorsi sono sorte polemiche per una discrepanza nella traduzione di un titolo attribuito alla Madonna contenuto nell'atto di consacrazione al Cuore Immacolato offerto da Papa Francesco questa sera nella Basilica di San Pietro.

 

Mentre la traduzione inglese dice:

Perciò, o Madre, ascolta la nostra preghiera.

Stella del mare, non farci naufragare nella tempesta della guerra.

Arca della Nuova Alleanza, ispira progetti e percorsi di riconciliazione.

Regina del Cielo, restituisci al mondo la pace di Dio.

 

L'originale italiano dice:

Accogli dunque, o Madre, questa nostra supplica.

Tu, stella del mare, non lasciarci naufragare nella tempesta della guerra.

Tu, arca della nuova alleanza, ispira progetti e vie di riconciliazione.

Tu, "terra del Cielo", riporta la concordia di Dio nel mondo.

 

L'originale italiano "terra del Cielo" non si traduce in inglese come "Regina del Cielo", ma come "earth of Heaven" o "Heaven's earth".

Avendo portato questa discrepanza all'attenzione del portavoce vaticano Matteo Bruni, che l'ha inoltrata alle autorità competenti ed è in attesa di una risposta, abbiamo chiesto al vescovo Athanasius Schneider, la cui competenza è la patristica (cioè lo studio dei Padri della Chiesa), se avesse familiarità con questa espressione, e se ci fossero problemi inerenti al suo uso. Ecco la sua risposta:

***

(Mons. Athanasius Schneider): Nell'Atto di Consacrazione della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria, l'espressione "terra del Cielo" [dall'originale italiano] è stata tradotta nelle altre lingue latine (portoghese, spagnolo, francese) allo stesso modo. In tedesco è stata tradotta: "Du Irdische im Himmel" (cioè, Tu sei la terra del Cielo). In molte lingue slave, e in russo, è stato tradotto: "terra celeste"; in slovacco: "terra dal cielo"; e in polacco: "terra del cielo". E come lei fa notare, in inglese è stata tradotta "Regina del cielo", quando una resa più accurata sarebbe "Heaven’s earth" o, più letteralmente, “earth of Heaven.” ("terra del cielo").

Anche se c'è un'evidente discrepanza nelle traduzioni, comunque l'espressione "terra del Cielo" non è di per sé eretica o pagana. Non bisogna vedere immediatamente in questa espressione un parallelo con la Pachamama, ma interpretarla in modo oggettivo, benevolo e cattolico, il che è possibile. Ci sono poesie e canti mariani tradizionali cattolici con espressioni abbastanza simili come "Maria è il giardino celeste" o il "giardino del cielo". Consideriamo poi come l'espressione si accorda con la Sacra Scrittura, i Padri e la Liturgia:

Sacra Scrittura

L'espressione "earth of heaven" o "heaven’s earth" può essere interpretata in modo coerente con la Sacra Scrittura. Può avere il significato di "nuova terra" usato in 2Pietro 3, 13 e Apocalisse 21, 1-2 ed è coerente con la profezia dell'Antico Testamento che vediamo realizzata in Maria: "si apra la terra e produca la salvezza e germogli insieme la giustizia” (Isaia 45,8).

Padri e dottori della Chiesa

Troviamo anche espressioni simili nei Padri della Chiesa. Sant'Efrem il Siro scrisse: "La terra vergine di un tempo diede alla luce l'Adamo che è signore della terra, ma oggi un'altra vergine ha dato alla luce l'Adamo che è signore del cielo" (Inni sulla Natività, 1,16). Qui, la verginità è paragonata alla terra; la "terra vergine" scelta da Dio per far nascere il primo Adamo è un tipo di Maria, la terra vergine che ha dato alla luce Gesù Cristo, il secondo Adamo. Più tardi, San Giovanni Crisostomo dirà:

“La parola Eden significa terra vergine. Ora tale era quella regione in cui Dio piantò il paradiso. ... Ora questa vergine (terra) è un tipo della Vergine. Perché come quella terra, senza aver ricevuto alcun seme, fiorì per noi il paradiso; così anche Maria, senza aver concepito l'uomo, fiorì per noi Cristo (De mutatione nominum, 2, 3-4)”.

Allo stesso modo, San Giovanni Damasceno disse: "Le porte del paradiso si aprono e ricevono la terra portatrice di Dio, sulla quale ha avuto origine Cristo, l'albero della vita eterna" (Omelia 3 sulla Dormizione di Santa Maria). E in un inno del XI secolo composto da San Pietro Damiano in onore della Beata Vergine Maria, il santo esclama "Es et terra cœlestis", cioè "e tu sei la terra celeste" (Rhythmus de S. Maria virgine).

Liturgia bizantina

Secondo un articolo pubblicato il 23 marzo 2022 dall'Osservatore Romano, l'espressione "terra del Cielo" è "tratta da un inno monastico bizantino-slavo, e significa poeticamente l'unione del cielo e della terra che possiamo contemplare in Maria, che è anche assunta in cielo con il suo corpo". La liturgia bizantina contiene, infatti, espressioni simili a "terra del cielo". Di Maria si dice: "Io sono la terra incolta" (Liturgia bizantina, Octoechos [Libro degli Inni], voce 8, domenica, inno 6), che significa: "Io sono la terra celeste", "la terra verginale", la "terra paradisiaca". E altrove è lodata come "Terra benedetta, sposa benedetta di Dio, terra incolta e salvatrice del mondo" (Canone per la Santa Cena, Ode 1, Theotokos).

Maria è la Madre della nuova creazione. Il mistero della sua Assunzione corporale al cielo è anche legato al significato di "terra nuova" o "terra celeste". P. Garrigou-Lagrange lo spiega così:

La maledizione divina espressa nella Genesi comprende, in parte: "E in polvere ritornerai". Maria, benedetta tra tutte le donne, doveva essere esente da questa maledizione, non doveva conoscere la corruzione della tomba; cioè l'ora della risurrezione doveva essere anticipata per lei. La resurrezione gloriosa è seguita dall'Assunzione o elevazione in cielo del suo corpo glorioso, che non è più fatto per la terra dove tutto passa, appassisce e si corrompe.

***

[AGGIORNAMENTO]

ROMA, 23 marzo 2022 (OnePeterFive) - Con la pubblicazione odierna da parte del Vaticano (in 35 lingue) dell'Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria che Papa Francesco leggerà il 25 marzo, abbiamo chiesto al vescovo Athanasius Schneider se crede che la formula soddisfi gli elementi essenziali della richiesta della Madonna a Fatima. Ecco la sua risposta, seguita dalla nostra intervista più approfondita sulla Consacrazione di Russia e Ucraina.

(Sua Eccellenza mons. Athanasius Schneider): "Rispetto alla formulazione dei due precedenti atti di consacrazione, fatti da Papa Pio XII (nel 1952) e da Papa Giovanni Paolo II (nel 1984), le parole e la forma della consacrazione che sarà usata da Papa Francesco il 25 marzo esprimono più chiaramente le richieste della Madonna di Fatima. Papa Francesco ha persino aggiunto la parola "solennemente" a "consacrare", un'espressione che mancava nelle formule del 1952 e del 1984:

1952: “in modo specialissimo, consacriamo tutti i popoli della Russia al medesimo Cuore immacolato” (Lettera Apostolica di Pio XII, SACRO VERGENTE ANNO, Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria).

1984: "O Madre degli uomini e dei popoli... Ti affidiamo e consacriamo quegli uomini e quelle nazioni, che di questo affidamento e di questa consacrazione hanno particolarmente bisogno". (Papa Giovanni Paolo II, Consacrazione degli uomini e delle nazioni).

2022: “Noi, dunque, Madre di Dio e nostra, solennemente affidiamo e consacriamo al tuo Cuore immacolato noi stessi, la Chiesa e l’umanità intera, in modo speciale la Russia e l’Ucraina.” (Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria).

La Madonna non ha detto che l'approvazione papale della comunione riparatrice nei primi sabati debba essere parte della formula di Consacrazione. Ella chiese l'approvazione papale di questa pratica solo al fine di ottenere i frutti da Lei promessi con l'atto di Consacrazione. L'approvazione papale potrebbe manifestarsi, per esempio, in un decreto della Penitenzieria Apostolica che dica che i fedeli che praticano la comunione riparatrice nei cinque Primi Sabati otterranno l'indulgenza plenaria. Un tale decreto generalmente indica che è stato approvato dal Santo Padre.

***

SUA ECCELLENZA MONS. SCHNEIDER SULLA CONSACRAZIONE DELLA RUSSIA E DELL'UCRAINA DA PARTE DI PAPA FRANCESCO

21 marzo 2022 (Roma) - Mentre Papa Francesco si prepara a consacrare la Russia e l'Ucraina al Cuore Immacolato di Maria il 25 marzo, il vescovo Athanasius Schneider condivide i suoi pensieri su questo evento storico e su ciò che i fedeli dovrebbero aspettarsi della Consacrazione se svolta secondo i desideri della Madonna.

Oltre alle sue speranze di pace, il vescovo ausiliare di Astana, Kazakistan, i cui primi anni li trascorse nella Chiesa clandestina sovietica, e che ha costruito la più grande chiesa dell'Asia centrale dedicandola alla Madonna di Fatima, discute anche la decisione di includere l'Ucraina nella consacrazione, l'importanza della partecipazione di Benedetto XVI, e le sue speranze per una possibile unità con gli ortodossi attraverso questo atto.

S.E. mons. Schneider, che nel nostro libro-intervista con lui del 2019, "Christus Vincit: il trionfo di Cristo sulle tenebre del nostro tempo", ritiene che la consacrazione della Russia non si sia finora svolta secondo i desideri della Madonna, ha parlato con OnePeterFive il 21 marzo. Qui di seguito il nostro colloquio:

(Diane Montagna): Eccellenza, quei lettori che potrebbero non conoscere la storia e i dettagli della richiesta della Madonna a Fatima di consacrare la Russia al suo Cuore Immacolato, cosa dovrebbero tenere a mente?

(Vescovo Athanasius Schneider): Vorrei offrire ai lettori il seguente estratto tratto da un articolo di Padre David Francisquini, pubblicato sulla rivista brasiliana "Catolicismo" (Nº 836, Agosto/2020), e intitolato "A consagração da Rússia foi efetivada como Nossa Senhora pediu?" ["La consacrazione della Russia è stata effettuata come la Madonna ha chiesto?"]. Credo che l'autore fornisca un succinto riassunto degli elementi essenziali. Egli scrive:

Nell'apparizione del 13 luglio 1917, la Madonna disse ai bambini che Dio avrebbe "punito il mondo per i suoi crimini con la guerra, la fame e la persecuzione della Chiesa e del Santo Padre. [...] Per impedire questo, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato e la comunione di riparazione nei primi sabati. Se le mie richieste saranno ascoltate, la Russia si convertirà e ci sarà la pace; in caso contrario, essa diffonderà i suoi errori in tutto il mondo, promuovendo guerre e persecuzioni; i buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno annientate; alla fine, il mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e un periodo di pace sarà concesso al mondo".

Dodici anni dopo, il 13 giugno 1929, mentre risiedeva a Tui, in Spagna, Suor Lucia ebbe una visione in cui la Madonna le disse: "È giunto il momento in cui Dio chiede al Santo Padre di fare, in unione con tutti i vescovi del mondo, la consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato, promettendo di salvarla con questo mezzo".

Ancora nel 1929, la veggente fece conoscere questa richiesta a Papa Pio XI, e l'anno successivo scrisse al suo confessore, P. José Bernardo Gonçalves S.J., riferendo che Nostro Signore l'aveva esortata a chiedere al Santo Padre l'approvazione della devozione riparatrice dei primi sabati. E aggiungeva: "Se non mi sbaglio, il buon Dio promette di porre fine alla persecuzione in Russia se il Santo Padre si degnerà di fare, e allo stesso modo ordinerà ai Vescovi del mondo cattolico di fare, un atto solenne e pubblico di riparazione e di consacrazione della Russia ai Santissimi Cuori di Gesù e Maria".

In una successiva comunicazione intima, Nostro Signore si lamentò con Suor Lucia: "Non accoglieranno la mia richiesta. Come il re di Francia, si pentiranno; e lo faranno, ma sarà tardi. La Russia avrà già diffuso i suoi errori in tutto il mondo". In una lettera al suo confessore, datata 18 maggio 1936, Suor Lucia dichiara: "Intimamente, ho parlato con Nostro Signore della questione; e poco tempo fa Gli ho chiesto perché non ha convertito la Russia senza che Sua Santità facesse questa consacrazione". Questa fu la risposta che Suor Lucia ricevette da Gesù: "Perché voglio che tutta la mia Chiesa riconosca questa consacrazione come un trionfo del Cuore Immacolato di Maria, per poi estendere la sua venerazione e porre, accanto alla devozione del mio Cuore Divino, la devozione di questo Cuore Immacolato".

Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, Suor Lucia si rivolge direttamente al nuovo Papa, Pio XII: "In diverse comunicazioni intime, Nostro Signore non ha cessato di insistere su questa richiesta, promettendo recentemente - se Vostra Santità si degnerà di fare la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria, con menzione speciale per la Russia, e di ordinare che, in unione con Vostra Santità e allo stesso tempo, lo facciano anche tutti i Vescovi del mondo - di abbreviare i giorni di tribolazione con cui ha deciso di punire le nazioni per i loro crimini, attraverso la guerra, la carestia e varie persecuzioni della Santa Chiesa e Vostra Santità."

Dal 1984 fino alla caduta del muro di Berlino, Suor Lucia sostenne che nessuna delle consacrazioni fatte fino ad allora era stata "valida" (nel senso che avevano soddisfatto i requisiti fissati dalla Madonna). In un'intervista rilasciata nel 1985 alla rivista Sol de Fátima, dichiarò perentoriamente, riguardo a quelle effettuate da Giovanni Paolo II a Fatima (1982) e a Roma (1984): "Non c'è stata la partecipazione di tutti i vescovi, né è stata menzionata la Russia".

In una lettera dell'8 novembre 1989, Suor Lucia dichiarò: "Sì [la consacrazione] è stata effettuata come richiesto dalla Madonna, dal 25 marzo 1984". E in una conversazione del Cardinale Tarcisio Bertone con Suor Lucia, questa avrebbe dichiarato: "Ho già detto che la consacrazione voluta dalla Madonna è stata fatta nel 1984 ed è stata accettata in Cielo".

(DM) Eccellenza, come spiega questo cambiamento nel pensiero di Suor Lucia in soli quattro anni?

(+AS): Nel suddetto articolo, P. Francesquini offre questa plausibile risposta:

È legittimo congetturare che, nel rivalutare l'atto di Giovanni Paolo II nel 1984, Suor Lucia si sia lasciata influenzare dall'atmosfera di ottimismo che si diffuse nel mondo dopo il crollo dell'Impero Sovietico. Va notato che Suor Lucia non godeva del carisma dell'infallibilità nell'interpretazione dell'alto messaggio ricevuto. Pertanto, spetta agli storici, ai teologi e ai pastori della Chiesa analizzare la coerenza di queste dichiarazioni, raccolte dal Cardinale Bertone, con le precedenti affermazioni della stessa Suor Lucia. Tuttavia, una cosa è chiara: i frutti della consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria, annunciati dalla Madonna, sono lontani dall'essersi materializzati. Non c'è pace nel mondo.

(DM): Eccellenza, crede che la consacrazione della Russia alla Madonna sia stata fatta?

(+AS): Nel capitolo 19 del nostro libro "Christus vincit. Il trionfo di Cristo sulle tenebre del nostro tempo" (Fede & Cultura, 2020), abbiamo discusso questa domanda. Ho detto in quello scambio:

Come sappiamo, il 25 marzo 1984, Papa Giovanni Paolo II consacrò tutta l'umanità al Cuore Immacolato, alla presenza della vera, originale statua di Fatima, in Piazza San Pietro. In quella consacrazione, egli menzionò specialmente quei popoli di cui la Madonna desiderava la consacrazione. Pertanto, fu una consacrazione implicita della Russia.

Nella Cattedrale di Nostra Signora di Fatima a Karaganda, il centenario della prima apparizione della Madonna a Fatima, il 13 maggio 2017, fu celebrato nel contesto di un Congresso Mariologico. Papa Francesco inviò per l’occasione come legato pontificio il cardinale Paul Josef Cordes, e nell'omelia il cardinale Cordes menzionò la cosiddetta consacrazione della Russia al Cuore Immacolato, fatta da Papa Giovanni Paolo II nel 1984. Raccontò che qualche tempo dopo la consacrazione del 1984, fu invitato dal Papa a cena nel suo appartamento, e durante questo incontro chiese al Santo Padre: "Perché non ha consacrato esplicitamente la Russia?". Giovanni Paolo II gli rispose: "Era mia intenzione farlo". Il papa ha poi aggiunto che, a causa delle preoccupazioni dei diplomatici vaticani, non potè fare la consacrazione come aveva inizialmente previsto, consacrando la Russia in modo esplicito. Possiamo quindi vedere che, a causa delle conseguenze politiche presentate dalla diplomazia vaticana, Papa Giovanni Paolo II fece la consacrazione in questo modo implicito. Questi sono i fatti.

Suor Lucia fu interrogata su questo atto. Lei disse: "Il cielo l'ha accettato". Ma questa frase di Suor Lucia, o altre frasi simili, non significano per me che questo atto sia stato il più perfetto. Certo, quando un papa fa una preghiera e una consacrazione così bella, il cielo l’accetta. Il cielo accetta ogni preghiera sincera e bella. Ma questo non significa, secondo me, che in futuro non si possa fare un atto di consacrazione più perfetto, che anche il cielo riceverà e accetterà.

(DM): Allora, lei crede che la consacrazione, come la Madonna l'ha chiesta a Fatima, sia stata fatta o no?

(+AS): Non è ancora stata fatta nel modo richiesto dalla Madonna. Secondo me, la consacrazione deve essere fatta più perfettamente, e questo significa con la menzione esplicita della Russia insieme alle altre condizioni, come specificate dalla Madonna. Spero e credo che un giorno, con un perfetto atto di consacrazione della Russia al Cuore Immacolato da parte di un futuro papa, il cielo riverserà molte abbondanti grazie per la Chiesa e l'umanità, e per la piena conversione della Russia (Christus Vincit, pp. 299-300).

(DM): Il Vaticano ha annunciato che Papa Francesco consacrerà la Russia e l'Ucraina al Cuore Immacolato di Maria il 25 marzo, festa dell'Annunciazione, durante una funzione penitenziale alle 17 nella Basilica di San Pietro. La Sala Stampa della Santa Sede ha informato i giornalisti che la consacrazione stessa avverrà probabilmente intorno alle 18:30 (Roma), cioè alla conclusione della funzione penitenziale. Il Vaticano ha anche confermato che Papa Francesco ha invitato i vescovi del mondo, e i loro sacerdoti, a unirsi a lui in questa consacrazione. Alcuni si chiedono perché il Papa abbia incluso l'Ucraina, e se la sua inclusione rappresenti un ostacolo all'adempimento della specifica richiesta della Madonna. Cosa direbbe a coloro che si interrogano su questo?

(+AS): Data l'attuale e dolorosa guerra in Ucraina, è del tutto comprensibile che Papa Francesco menzioni anche l'Ucraina. Si dovrebbe anche considerare che nel luglio 1917, quando la Madonna parlò per la prima volta della consacrazione della Russia, una gran parte del territorio dell'attuale Ucraina apparteneva all'Impero Russo, che chiamava alcune regioni di questo territorio "Piccola Russia" e "Russia del Sud". Se il Papa oggi menzionasse solo la Russia, una gran parte del territorio (cioè la maggior parte dell'attuale Ucraina), che la Madonna aveva davanti agli occhi nel luglio 1917, sarebbe esclusa dalla consacrazione.

(DM): Alcuni sostengono che, per rispondere fedelmente alla richiesta della Madonna, il Papa deve "ordinare" e non solo "invitare" i vescovi del mondo a unirsi a lui nel consacrare la Russia al Cuore Immacolato. Come risponderebbe a questa obiezione? Quali sono, secondo lei, gli elementi essenziali che devono essere inclusi nella consacrazione, e cosa non è essenziale?

(+AS): Nella richiesta della Madonna bisogna distinguere gli elementi essenziali da quelli secondari. Gli elementi essenziali, secondo me, sono: la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria (e non solo alla "Madre di Dio" o alla "Beata Vergine Maria"); la menzione esplicita della Russia (la menzione aggiuntiva di un'altra nazione vicina alla Russia, o di tutte le nazioni del mondo, non invaliderà la consacrazione poiché l'elemento essenziale della "Russia" è incluso); che sia fatta in unione con tutti i vescovi (questa unione non deve includere il cento per cento dei vescovi quantitativamente parlando, ma l'intero episcopato in senso morale. In un senso simile, se il papa, in un concilio ecumenico, si unisse a una minoranza dottrinalmente sana e respingesse una maggioranza eterodossa, la dottrina o il dogma promulgato sarebbe l'insegnamento di tutta la Chiesa, anche se proclamato dal papa insieme alla parte minore dell'episcopato). A mio avviso, il modo in cui il papa convoca i vescovi a partecipare all'atto della consacrazione (se con un invito formale o con un ordine esplicito) è secondario.

(DM): La menzione della comunione riparatrice nei cinque primi sabati è essenziale?

(+AS): Come notato sopra, nell'apparizione del 13 luglio 1917, la Madonna disse che per prevenire i castighi divini (guerra, fame e persecuzione della Chiesa e del Santo Padre) sarebbe venuta a chiedere la consacrazione della Russia al suo Cuore Immacolato e la comunione riparatrice nei primi sabati. "Se le mie richieste saranno ascoltate", disse, "la Russia si convertirà e ci sarà la pace". Più tardi, in una lettera del 1929 al suo confessore, P. José Bernardo Gonçalves S.J., Suor Lucia riferì che la Madonna l'aveva esortata a chiedere al Santo Padre l'approvazione della devozione riparatrice dei Primi Sabati. A mio parere, l'approvazione della pratica della comunione riparatrice dei Primi Sabati non deve necessariamente essere inclusa esplicitamente nella formula di consacrazione. L'approvazione papale potrebbe anche essere manifestata, per esempio, in un decreto della Penitenzieria Apostolica, dicendo che i fedeli che praticano la comunione riparatrice nei cinque primi sabati otterranno l'indulgenza plenaria. Un tale decreto indica generalmente che è stato approvato dal Santo Padre.

(DM): La distinzione tra rivelazione pubblica e privata è anch'essa importante da tenere presente?

(+AS): Bisogna distinguere attentamente tra rivelazione divina pubblica e rivelazione privata. I messaggi nelle apparizioni della Madonna a Fatima e poi separatamente a Suor Lucia, anche se riconosciuti dalla Chiesa come di carattere soprannaturale, sono tuttavia una rivelazione privata. La Chiesa ci insegna a questo proposito:

L'economia cristiana dunque, in quanto è l'Alleanza nuova e definitiva, non passerà mai, e non è da aspettarsi alcun'altra Rivelazione pubblica prima della manifestazione gloriosa del Signore Nostro Gesù Cristo (Concilio Vaticano II, Dei Verbum, 4).

Lungo i secoli ci sono state delle rivelazioni chiamate «private», alcune delle quali sono state riconosciute dall'autorità della Chiesa. Esse non appartengono tuttavia al deposito della fede. Il loro ruolo non è quello di «migliorare» o di «completare» la Rivelazione definitiva di Cristo, ma di aiutare a viverla più pienamente in una determinata epoca storica. Guidato dal Magistero della Chiesa, il senso dei fedeli sa discernere e accogliere ciò che in queste rivelazioni costituisce un appello autentico di Cristo o dei suoi santi alla Chiesa. La fede cristiana non può accettare «rivelazioni» che pretendono di superare o correggere la Rivelazione di cui Cristo è il compimento. È il caso di alcune religioni non cristiane ed anche di alcune recenti sette che si fondano su tali «rivelazioni». (Catechismo della Chiesa Cattolica, 67).

(DM): Il Vaticano non ha ancora pubblicato la preghiera di consacrazione che sarà utilizzata il 25 marzo, ma se conterrà gli elementi essenziali, quali effetti devono aspettarsi i fedeli dalla consacrazione?

(+AS): L'effetto dell'atto di Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria, anche se fatto in modo perfetto secondo la richiesta della Madonna, non deve essere inteso come se fosse un sacramento, il cui effetto deriva dalla sua valida celebrazione (ex opere operato). Un atto di consacrazione, teologicamente parlando, è un sacramentale (sacramentale), il cui effetto dipende principalmente dalla preghiera di impetrazione della Chiesa (ex opere operantis ecclesiae). La teologia cattolica precisa che i sacramentali (sacramentalia) non producono la grazia ma la preparano. Un atto di consacrazione non ha un effetto automatico, immediato e spettacolare o sensazionale. Dio, nella sua sovrana, sapiente e misteriosa Provvidenza, si riserva il diritto di determinare il tempo e il modo di realizzare gli effetti di una consacrazione. Facciamo bene a tenere a mente le parole di Nostro Signore: "Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta” (Atti 1, 7). Il modo in cui la Divina Provvidenza guida la storia della salvezza e la storia della Sua Chiesa è solitamente caratterizzata da una crescita organica e dalla gradualità. Il nostro compito è quello di fare ciò che la Madre di Dio ha detto; per il resto spetta alla Provvidenza determinare secondo tempi e modi a noi non ancora noti. Come diceva Sant'Agostino, fino al ritorno di Cristo, "la Chiesa farà il suo pellegrinaggio in mezzo alle persecuzioni del mondo e alle consolazioni di Dio" (cfr. De civitate Dei, 18, 51).

(DM): Eccellenza, quali sono le sue speranze per la consacrazione della Russia?

(+AS): Si deve sperare che la consacrazione della Russia acceleri la sua conversione, che include necessariamente la riunificazione della Chiesa ortodossa russa con la Sede Apostolica, diventando così veramente cattolica. Solo allora ci sarà una vera conversione agli occhi di Dio, poiché la conversione non può essere a metà. Il vescovo Alexander Chira (+ 1983), un vescovo greco-cattolico clandestino di Zakarpattia (Rutenia carpatica), che viveva in esilio a Karaganda, Kazakistan, disse nel suo ultimo sermone, pronunciato in tedesco, il 13 maggio 1983:

A Fatima, in Portogallo, la Madre di Dio ha rivelato: La Russia si convertirà all'unità cattolica (Russland bekehrt sich zur Katholischen Einigkeit). La dolorosa divisione tra la Chiesa dell'Est e dell'Ovest ha già strappato la Russia alla vera Chiesa di Cristo per 900 anni. I tentativi di guarire questa vecchia ferita nel Corpo Mistico di Cristo sono stati fatti più di una volta. La malvagità umana, l'iniquità e l'astuzia hanno frustrato i più amorevoli e nobili sforzi della Chiesa Cattolica. E ora, inaspettatamente, l'amorevole Madre di Dio prende la questione nelle sue mani. È apparsa a Fatima a tre bambini. Non è sorprendente che sia apparsa non ad eruditi e potenti capi militari, ma solo a tre semplici bambini di villaggio? E ha rivelato: La Russia si convertirà alla Chiesa cattolica!

Dobbiamo anche sperare che la consacrazione della Russia affretti il trionfo del Cuore Immacolato di Maria, che consisterà in un autentico rinnovamento della vita della Chiesa Cattolica, cioè in un nuovo splendore della purezza della Fede Cattolica, della sacralità della liturgia e della santità della vita cristiana.

Infine, dobbiamo sperare che la consacrazione della Russia affretti un'era di pace per l'umanità. Tuttavia una pace vera e duratura nella società umana sarà stabilita solo se Cristo regnerà sulla società umana. Come scrisse Papa Pio XI: "È dunque evidente che la vera pace di Cristo non può essere che nel regno di Cristo: «La pace di Cristo nel regno di Cristo»; ed è del pari evidente che, procurando la restaurazione del regno di Cristo, faremo il lavoro più necessario insieme e più efficace per una stabile pacificazione" (Enciclica, Ubi arcano, 49).

(DM): Il segretario personale del Papa emerito Benedetto XVI, l'arcivescovo Georg Gänswein, ha confermato che Benedetto XVI si unirà a Papa Francesco e ai vescovi del mondo nella consacrazione di Russia e Ucraina il 25 marzo. Il Vaticano ha detto che lo farà privatamente dal Monastero Mater Ecclesiae, cioè dalla cappella della sua residenza in Vaticano. Quali sono i vostri pensieri su questa notizia? 

(+AS): È una gioia per tutta la Chiesa che l'ex Papa Benedetto XVI che, naturalmente, è uno dei membri più eminenti dell'episcopato mondiale dei nostri giorni, si unisca alla consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria.

 

Fonte: OnePeterFive, 25 Marzo 2022. Traduzione a cura di Tradizione Famiglia Proprietà – Italia.

© La riproduzione è autorizzata a condizione che venga citata la fonte.